Il 27 dicembre scorso è stato ridefinita la disciplina che regola gli incentivi fiscali collegati al Piano Nazionale Impresa 4.0 e, in particolare, quelli concernenti gli investimenti in beni strumentali, in attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica e altre attività innovative e in formazione 4.0.

Questi incentivi hanno lo scopo di supportare le imprese che investono in beni strumentali nuovi e in formazione del personale, nell’ambito della trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi.Agli investimenti in beni strumentali è riconosciuto, a seconda della tipologia di bene, un credito d’imposta che varia dal 6% al 40% ed è cumulabile con altre agevolazioni.

Il credito si applica agli investimenti effettuati a decorrere dal 1 gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, ovvero entro il 30 giugno 2021 a condizione che entro il 2020 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

Per quanto riguarda il credito d’imposta relativo alla formazione è riconosciuto e ammissibile limitatamente al costo aziendale riferito alle ore/giornate di corso, in una misura che varia dal 30% al 50% a seconda delle dimensioni aziendali.

Entrambi gli incentivi si rivolgono a:

“Tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali.

Sono escluse le imprese in stato di liquidazione volontaria, fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo senza continuità aziendale, altra procedura concorsuale. Sono inoltre escluse le imprese destinatarie di sanzioni interdittive ai sensi dell’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231.

La fruizione del beneficio spettante è subordinata alla condizione del rispetto delle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e al corretto adempimento degli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori.”

Per informazioni più dettagliate su queste misure o per scoprire tutti gli incentivi messi a disposizione delle imprese dal Ministero dello Sviluppo economico potete visitare i link qui sotto.

Per conosce le nostre soluzioni per ottimizzare i processi aziendali e gestire in modo più veloce ed efficiente le vostre risorse non esitate a contattarci, o naviga nel nostro sito per vedere le nostre aree tematiche.